Missione tata

Sara Anna Dolores Stretti, Ostetrica libera professionista
19 Ottobre 2021

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Non è facile trovare qualcuno a cui lasciare i figli. Mi correggo: lasciare i figli alle volte non dovrebbe essere così facile.

Ebbene, dopo anni di esperienza a fare la tata, quello che è rimasto a me è la domanda: “a chi lascio mio figlio adesso?”.La fiducia è una cosa importante, se insieme a quella mettessimo anche la competenza sarebbe fantastico.

Sì, perché il mestiere della tata da quasi sempre è stato affidato a studenti, alla vicina, a parenti, o alla fortuna a volte. Ma alla fine affidare i figli è una cosa importante sia dal punto di vista della sicurezza, sia dal punto di vista dell’educazione.

Molto spesso la tata diventa veramente un riferimento, non come i genitori certo, ma se con lei i bambini trascorrono tempo di qualità, mi sembra che questo sia un buon criterio di partenza. Come deve comportarsi una tata? Educazione gentile? Gestione delle emozioni? Disostruzione delle vie aeree?

Quello che mi chiedo è come fare di un lavoretto per arrotondare un lavoro vero è proprio. Perché anche dal punto di vista legale e assicurativo sarebbe ottimo affrontare questi aspetti. Creare un corso per avere un gruppo di persone scelte per il lavoro è sicuramente uno dei prossimi obiettivi per avvicinarci a quel concetto.

Creare un polo a cui le famiglie possono dedicarsi e affidarsi per i loro figli è un sogno del futuro. Di sicuro un corso per future tate è uno dei principali fondamenti per far sì che la tata non sia più improvvisata, ma una persona competente e che dia fiducia ai genitori.